Pagamento debiti pubbliche amministrazioni

Il nodo del pagamento dei debiti delle pubbliche amministrazioni nei confronti delle imprese italiane costituisce uno dei punti focali della ripresa economica nazionale.

Attualmente, più di 70 miliardi di euro di crediti sono vantati dagli imprenditori tricolori nei confronti di amministrazioni centrali e periferiche: una mole di denaro di ingente dimensione, che tuttavia viene “svincolata” con tempi biblici dalle stesse amministrazioni, con la conseguenza di rendere inesigibili nel breve termine degli importi che potrebbero essere proficuamente utilizzati per il sostegno alla sopravvivenza e alla crescita delle attività imprenditoriali.

Secondo quanto ora affermato dal presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il pagamento dei crediti delle imprese da parte delle pubbliche amministrazioni, con la “promessa” tranche di 48 miliardi di euro (pari a circa due terzi del totale), permetterebbe di poter consolidare un incremento del Pil di 16 miliardi di euro l’anno, con un incremento di un punto percentuale per i primi tre anni e di 1,5 punti percentuali fino 2018.

Stando alle valutazioni compiute dal Centro Studi di Confindustria, in particolare, se la pubblica amministrazione riuscisse a onorare nei tempi previsti almeno due terzi dei propri debiti, gli investimenti potrebbero crescere di circa il 13 per cento nel corso dei prossimi 5 anni, con ricadute occupazionali importantissime: si stima infatti un aumento della platea di occupati di quasi 250 mila unità.

Proprio per tali motivi, proseguiva poi Squinzi, Confindustria inviterà il governo in carica a provvedere in maniera tempestiva ad adottare tutti i provvedimenti di quanto spetta correttamente alle imprese, come indicato dalla Commissione Europea in una precedente comunicazione, e come emerso dalle dichiarazioni dell’attuale / uscente presidente del Consiglio, Mario Monti, che negli ultimi giorni aveva sottolineato la necessità di lavorare con la Commissione per trovare pronte soluzioni ad arginare il fenomeno dei crediti di lunga esigibilità delle imprese dei confronti della pubblica amministrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.